PARRUCCHINO CANAGLIA

Visit allwallpapersfree.blogspot.com

 

Basta un alito di vento,

un balzo,

un saltello,

una grassa risata,

un colpo di tosse,

uno starnuto,

un cenno d’assenso

o di dissenso,

di forte scuotimento.

La vista di un aereo,

di una nuvola

a forma di cane,

di un nibbio,

di una poiana,

di un picchio verde

o di un lampadario

in cristallo, brillante,

di un mandala,

nel rosone della cattedrale,

di un affresco,

di un soffitto

a cassettoni.

Oppure una corsa,

nel parco cittadino,

lungo la statale,

nel bosco,

sulla spiaggia.

Un tuffo in acqua

e poi riemergere

con qualcosa in meno,

con qualcosa di cambiato.

Uno scappellotto,

un’arruffata di capo,

un Casqué,

una giravolta,

un singulto,

un singhiozzo,

un piegamento sulle ginocchia.

Uno spavento,

un finestrino aperto,

il volo di un aquilone,

il passaggio di un treno,

la discesa,

il capo chino,

desolato,

il brivido improvviso,

lo spasmo,

il pianto agitato.

Sempre e solo

quando non vuoi,

quando non è il caso.

Parrucchino di paglia,

parrucchino canaglia.

Ormai è tempo

di trapianto.

Un prato sintetico,

da calcetto,

tra le orecchie.

Un tappetino

di benvenuto,

uno scalpo,

un animale morto,

una spazzola,

un rastrello,

una toppa.

Quanta nostalgia

vecchio parrucchino,

parrucchino di paglia,

parrucchino canaglia.

© 2015

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...